Feeds:
Articoli
Commenti

La Vergine che legge -Vittore Carpaccio, 1505-10 – National Gallery of Art, Washington

L’associazione di Psicologia Simbolica e Tradizioni Religiose MYTHOS ha deciso di iniziare a rendere disponibili dal 2014 alcune pubblicazioni in formato pdf-eBook ottimizzate per dispositivi mobili, liberamente fruibili, al fine di rispondere all’interesse e alle richieste degli studiosi.

I testi selezionati verranno periodicamente pubblicati su questa pagina del sito, per consentirne il download.

 

YUT Festival 2013

STAY YUT FESTIVAL 2013 – Promo - from Lorenzo Marzocca on Vimeo.

Scegli, stampa e leggi

Sul sito “ilmiolibro.it” del Gruppo Editoriale l’Espresso, sono disponibili per l’acquisto online (con carta di credito, consegna in 3 gg.) tutti i romanzi inediti.

Si riportano di seguito i link alle pagine specifiche:

paride_mini
La scelta di Paride
ekata_mini
Ekata
mini_Hermann
Hermann e Sveva
.
mini_eric
Viaggio in controtempo
mini_pan
L’ombra di Pan

Bellezza

Bellezza!
Drento a ‘sta via fracica de monnezza
cor core gonfio de pianto e amarezza
me sei spuntata davanti come ‘na certezza,

che l’occhi mija so’ ancora ‘ncantati.

Spauriti?
No, direi basiti.
Su n’antro monno se ne so iti
e verso er sole se so’ alluccicati

e intanto sta scena gira come ‘na moviola.

Sola?
Me vergogno a ditte ‘na parola
c’ho la lingua secca e pure la gola
me pare foderata de carta stagnola

mentre me sfiori passandome accanto.

N’ incanto!
Pe la via io e te sortanto
ma nell’orecchi mija ho sentito un canto,
‘na melodia che me fa cresce er rimpianto

de nun avette armeno fatto un soriso.

Ho deciso!
me strofino co’ le du mano tutto er viso
me preparo n’approccio gentile ma conciso
e finarmente me vorto pe guarda’ quer paradiso.

Ma all’occhi mija solo la strada vòta appare.

Regolare!
se je cori appresso, ‘a bellezza scompare.
Er vero incanto nell’anima tua appare
ma si l’acchiappi fra le mano chiare

come n’ombra a mezzogiorno te svanisce.

E se capisce!
È ner core tuo che la bellezza cresce
ma se a terra la trascini, poi sparisce
perchè nella reartà tutto s’appiattisce.

Nun ce se crede!
Se te’mpari a guardà er monno come se deve
vedi che arivi fino ar core della bellezza
devi solo risvejà er parpito co’ na carezza

e sulle apparenze mai nun te ferma’.

Ce la pòi fa’!

F.M.

Er magone

Co’ lo sguardo perso ner tramonto
me godo er calore de’ st’urtimo raggio.
Sur tavolo voto me lasciano er conto
ma de arzamme mo nun c’ho er coraggio.

Nun vojo leva’ l’occhi da sta scena
che nun costa gnente ma te riempe er core
e sembra come che te leva dalla schiena
er groppo de ‘na giornata senza colore.

Mo’ me godo sto momento senza pensieri
che tanto da domani s’aricomincia:
st’attimi de pace so li più sinceri
drento a ‘sta vita che pare propio sguincia.

Sto magone che m’acchiappa quann’è sera
nun c’ha ‘na vera ragione d’esse…
È forse più ‘na malinconia leggera
che m’affoga er core come se dicesse:

“Te pare d’ave’ fatto tutto quello che dovevi
ogni giorno e ogni minuto de ‘sta vita?
Sei sicuro che davero non potevi
aruzzica’ mejo invece de fatte ‘na dormita?”

Ma li dubbi so’ la casa dell’amarezze,
uno lo crei e n’antro te viene dietro.
Te succhiano via tutte le certezze
e li muri poi te parono de vetro.

Mejo lassà perde ‘sti pensieri marsani
che te fanno solo l’anima più scura.
Nun è più bello aspetta’ er domani
e vive sto momento senza paura?

S’è fatto tardi e comincia a scuri’.
Me scolo l’urtimo dito de vino de nascosto,
manno giù ‘na lagrima che nun è voluta usci’,
Avanti n’antro, je lascio er posto.

 F.M.

Felicità

So tre giorni che piove e pare
che sta primavera nun vo comincià.
Ste giornate so’ come un po’ avare
de quarche sentimento de felicità.

Ma in fonno in fonno se ce pensi,
com’è fatto l’omo ai giorni nostri?
La serenità? Dio ce scansi!
pe’ negalla se fa li mostri!

Quann’è agosto e de callo mori
nun vedi l’ora de vedè casca’ le foje.
Poi a Gennaro cor ghiaccio che c’è fori
de la spiaggia t’arivano le voje.

Imbottijato ner traffico della rotatoria
te sogni solitario nella campagna immenza.
Ma quanno poi te sdraji ‘n mezzo alla cicoria
de la tivvù nun poi sta senza.

Pare propio che la felicità ce fa paura.
Quanno ce sfiora famo finta de gnente:
nun se sa mai, magari porta sciagura
fasse vedè felice dall’antra gente.

Ma nun è l’invidia artrui er peggio nemico
è quello che c’hai drento che te fa sballa’.
Stamme a sentì: qui lo nego e qui lo dico
chi ce fa più paura è la felicità.

F.M.

‘n giorno Apollo vide Coronis, ‘na principessa,
mentre dappresso a ‘n lago se lavava.
S’allupò er Dio e co’n filo de bava
la prese d’impeto sulla riva stessa.

Alla fine la baciò e fece pe’ annasse
ma prima le lasciò ‘na strana creatura
‘n corvo bianco che nun c’era in natura
a fa’ la guardia che nissun ne abusasse.

Dopo un mese Coronis s’accorse de un ritardo
e capì che er Dio nun corpisce mai a vòto,
ma incontrò no’ straniero e fu ‘n teremoto
e s’accoppiò stregata da quer nòvo sguardo.

Ma er corvo bianco mica era micco!
A vede’ la principessa co’ lo straniero
volò da Apollo a racconta’ der forestiero
e s’aspettò la ricompensa arzando er becco.

A ‘r Dio je se rivortarono le budella
co’ ‘na manata all’uccello je fece
le piume da bianche a nere come la pece
poi s’annò a riparà da Artemide, su sorella.

“Sorellina cacciatrice, solo tu me poi aiuta’,
la principessa Coronis m’ha tradito
co’ ‘no zotico dell’Arcadia che s’è invaghito.
pensace tu, ma le corna mia devi vendica’!”

Artemide, che nun se faceva scappà n’occasione,
scoccò ‘na freccia che come un furmine partì.
Volò dar cielo tra le nuvole e poi corpì
in fonno ar petto della donna come n’arpione.

Co ‘n filo de voce Coronis ad Apollo:
“Ma ch’hai fatto? Nun vedi tu che sei Dio?
Prova a guardà dentro al ventre mio
e ce troverai tu’ fijo, un rampollo.

Er Dio fu roso dar dolore che abbrutisce
e quanno Coronis morì senza più fiato
dar ventre suo Apollo cornificato
tirò fori Esculapio, er semidio che guarisce.

Tanti anni appresso Esculapio infranse
‘na regola che l’Olimpo tutto rabbrividì.
Co’ na forgore er nonno Zeus lo ‘ncenerì
e fu l’unica vorta che Apollo pianse.

F.M.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 81 follower